Luca Zambrelli :: Weblog :: Mostra promossa da Creative Council di Matteo Ferretti (amico e giovane socio di MILANIN)

October 09, 2008

 


Mostra promossa da Creative Council di Matteo Ferretti (amico e giovane socio di MILANIN)

Con piacere vi invito a conoscere le opere di Matteo Ferretti, amico e giovane socio del nostro Club. Presto avremo anche l'occasione di ospitarlo durante un nostro Presenta Te Stesso. Su facebook trovate a questo link il gruppo di discussione con aggiornamenti e novità in merito l'attività artistica di Matteo.

Di seguito il Comunicato Stampa relativo la sua personale promossa da CREATIVE COUNCIL - MILANO.
                                                                     
BALCONATA MILANESE – QUINDICI
Indagine sull’Arte Europea
Progetto Artistico Internazionale ideato e diretto da Carlo Franza                         

Titolo:                        CORPORALE                 
Artista:                       MATTEO FERRETTI                                      
Curatore :                   Prof. Carlo Franza ,Storico dell’Arte, giornalista e Critico di “Libero”
Luogo:                        Creative Council
                                  Via Gerolamo Morone 6 - 20121 MILANO
                                  Tel.  e Fax  02/ 45481346
                                  www.creativecouncil.it -  info@creativecouncil.it                                     
Durata:                       dal  14 ottobre    2008 al  7 novembre    2008
Anteprima stampa:      martedì  14 ottobre ore 17,30
Inaugurazione:            martedì 14 ottobre   2008 ore 18
Orario :                       da lunedì a venerdì dalle 16,30 alle 19.30

La mostra dal titolo “Corporale” dell’artista Matteo Ferretti  che rientra in un progetto artistico internazionale , “BALCONATA MILANESE”,ideato e  diretto dal  Prof. Carlo Franza  per lo spazio Creative Council attestato internazionalmente per l’Immagineering   da Gianni Donatelli e Andrea Croce, focalizza l’attenzione su talune figure in progress della nuova stagione artistica europea .  
L’esposizione curata dal Prof. Carlo Franza ,illustre Storico dell’Arte di piano internazionale,che firma anche il testo,riunisce un certo numero di opere magistralmente ancorate alla storia e alla società  del nostro tempo che compongono  il percorso nuovo e  singolare di questo  innovativo   artista  italiano.

All’inaugurazione ci sarà una prolusione del Prof. Carlo Franza, curatore della mostra   ,unitamente alla partecipazione di intellettuali italiani e stranieri e di numerosi collezionisti .  Si brinderà con vini italiani.    

Scrive Carlo Franza nel testo: “Il corpo come icona, ostentato con o senza pudore, e parti di esso mostrate con estrema curiosità, con tutta una serie di passaggi fra lecito e illecito, fra norma e inquietudine, hanno da qualche tempo caratterizzato il lavoro del talentuoso giovane  Matteo Ferretti, grazie  all’amplissimo uso anche di mezzi tecnici  che forniscono ulteriore fuoco   alle  immagini sempre più cariche di bellezza e pulizia formale.Nei più recenti lavori,figure maschili e femminili, scelte ad arte dal suo repertorio quotidiano di incontri,  si ritrovano lette in collage fotografici, ovvero immagini ritagliate  e presentate come opera originale dell’autore,e aggallate in un mare di frammenti.
Parti del tronco umano,visi e sguardi, personaggi alle prese con il teatro della vita,erotismo e sensualità, travestitismo e outing,cultura del fetish e alternativo street style ,evoluzione dello street wear.Frammenti di immagini, frammenti di specchi, frammenti di resina vinavinilica colorata, tutto concorre a dare forza alla teoria del frammento corporale,dove oggetto,corpo,e materia si affrontano con  una sorta di chirurgia liquida e decorativa a volte,  ma capace di svelare sia una sorta di rivoluzione interna dove impera un sensuale immaginario,sia lo scenografico impatto e la sofisticata struttura in cui la sensualità è indagata con una spiazzante  citazionista esplorazione. Con Ferretti si assiste a una nuova tendenza stilistica, di un “post human” incentrato sui temi del rito e della metamorfosi,  ovvero a un nuovo ordine estetico che ha ormai ceduto il posto al  fascino di una continua e vertiginosa trasmigrazione tra infinite possibilità performative.Queste plurime installazioni a muro,che inseguono una sorta di london look  con le finestre e i tagli dove corpi e sguardi si svelano
teatralmente, ruotano attorno a un’apparenza della vita,portano a una profonda riflessione sui desideri più profondi, fanno entrare nell’arena del confronto paradossale. Opere che sono vetrine ,dove arte moda,bellezza,e corporeità plasmano la lettura del trend setter Ferretti  in bilico tra i giochi di specchi rotanti dove le immagini si avvertono e si stralunano  e la materia colorata che gronda con leggerezza e ironia,  ha desiderio di tornare  alla propria storia  con  una libertà che appare scelta esistenziale”.                                                                                                                                                                                        

Cenni biografici dell’artista.
Matteo Ferretti nasce a Parma nel 1976. Dopo aver conseguito nel 1996 il diploma di grafico pubblicitario, nei due anni successivi prosegue i propri studi presso l’istituto Santa Paola a Mantova seguendo un corso di restauro di decorazioni murali ed architettoniche. Nello stesso periodo frequenta gli studi dei pittori Guido Fontechiari e Alfonso Borghi, dove sviluppa la propria tecnica personale concentrandosi in particolare su tematiche post-impressionistiche ed informali. Dopo aver partecipato a diverse manifestazioni culturali in città come Reggio Emilia, Piacenza e Genova, dal 1998 in poi varca i confini nazionali prendendo contatti con l’Accademia di Dresda ed esponendo a Berlino e Francoforte.
E’ stato invitato a partecipare a concorsi internazionali come la Biennale dei Giovani Artisti a Roma e la Search for Art organizzato dalla Mandarina Duck di Bologna. Dal 1999 collabora con il gruppo Henkel di Dusseldorf e con l’organizzazione Inzentz (arte in architettura).
Numerose le mostre personali in Italia. Nel 2000 tiene una personale nel Palazzo dell’Antica Pretura di Castell’Arquato (PC) ed inizia una collaborazione con la Galleria Arte-Studio di Milano, che sfocia nell’esposizione (Nigthwave) presso l’Arte Fiera di Rimini nella primavera del 2001.
Il 2001 rappresenta una svolta nell’arte di Ferretti con una serie di installazioni basate sul binomio arte-marketing, esposte nel mese di maggio del 2002 presso la chiesa di S.Ludovico a cura di Paolo Tomasi. Nello stesso periodo ventotto tele sono esposte nei chiostri delle chiese di S.Giovanni a Parma, presentate dal direttore dell’Archivio Storico di Parma Marzio Dell’Acqua.
Nel Febbraio del 2003 espone una serie di dipinti alla Galleria Primo Stato di Reggio Emilia presentati da Sandro Parmigiani, direttore della Fondazione Magnani Italia. Dell’agosto dello stesso anno è l’invito ad esporre presso la collettiva “Pace e Amore” organizzata dal maestro Marco Nereo Rotelli (con il quale è tuttora in atto un rapporto di collaborazione) nella fortezza da basso presso l'Isola Palmaria a La Spezia.
Dal 2000 inizia la sua collaborazione con gallerie milanesi tra cui la Galleria Arte-Studio e nel settembre 2002 la fondazione D’Ars di Milano seleziona l’artista per gli incontri internazionali Image e Science indetti dal CNRS di Parigi (centre nazionale de la recherche scentifique).
Da un’idea di Matteo Ferretti nel 2004 nasce THEMA_. Un progetto visivo che scaturisce dalla commistione di differenti esperienze artistiche, dalla pittura al colore, dalla tecnologia ai pixel e dall’unione della pittura alla video arte. Il primo esempio THEMA 1 viene esposto nel mese di maggio 2004 in una collettiva Far per non smettere di sognare presso lo spazio Solferino 31 a Milano. Seguono varie collettive: La palestra di Accademo, a cura di Attraversarte, presso la Fortezza del Mare nell’Isola Palmaria e La palestra di Accademo a Santa Giulia, presso l’Accademia d’Arte di Brescia.
Il progetto THEMA_  si sviluppa e nell'ottobre 2004 espone THEMA_A.2 La splendida luce, con la presentazione di Marisa Vescovo e Tiziano Marcheselli presso la Galleria Il Triangolo di Cremona. Nella primavera del 2005 torna a Milano con la personale THEMA_A3 Il vano sforzo, presentata dal critico Carlo Arturo Quintavalle, presso la Fondazione Stelline di Milano. Sempre a Milano, all'Università  degli Studi Bicocca espone due opere dal titolo Il mare a Milano presso lo stand Marenostrum e nell'autunno dello stesso anno allo Spazio Krizia a Milano tiene una personale con Marco Nereo Rotelli.
Numerosi i riconoscimenti e le partecipazioni ad esposizioni internazionali. Nel 2002 partecipa con un?installazione presso lo stand BOBST alla CORRUGATED di Parigi (esposizione mondiale delle attrezzature per cartone ondulato). Dello stesso anno è l’invito della critica e giornalista Stefania Provinciali alla Terza Biennale Postumia Giovani 2002. Nel dicembre 2003 partecipa alla Biennale d'Arte Contemporanea di Firenze e due anni dopo alla 51° Biennale di Venezia fornisce il suo contributo artistico nel progetto di Marco Nereo Rotelli intitolato Isola della poesia a cura di Achille Bonito Oliva. Per l'evento La notte dei poeti, organizzato nell'ambito della 51°Biennale di Venezia, realizza una personale presso l'Istituto Rumeno per la ricerca umanistica a Palazzo Correr. Primo classificato per la categoria installazione nel Premio Nazionale Palmaria Giovane 2005 di La Spezia.
Un ulteriore sviluppo del progetto THEMA_ avviene nel gennaio del 2006 con  la mostra THEMA B.1 ISOLA men TI presso la Galleria Vanna Casati di Bergamo. Nel mese di giugno in Parma Poesia Festival 2 presenta Poetica-mente, una personale con Marco Nereo Rotelli e William Willinghton al Palazzotto Eucherio San Vitale di Parma. Nel febbraio 2007 espone alla galleria Il Triangolo di Cremona.
Nel marzo 2008 è invitato dall’illustre Storico dell’Arte Contemporanea Professor Carlo Franza nel progetto “Osservatorio delle Arti” a Firenze nell’Otel Ristotheatre-sala di Euterpe e Bacco, con una mostra dal titolo “Geografie”. Nell’autunno 2008 è a Milano invitato sempre dallo Storico dell’Arte Professor Carlo Franza nel progetto “Balconata Milanese” presso il Creative Council con una mostra, a cura dello storico Prof. Carlo Franza , dal titolo “Corporale”. E’ vincitore del Premio delle Arti-Premio della Cultura, XX edizione 2008 (giuria presieduta dal Professor Carlo Franza) come Artista Emergente.I Maggiori periodici italiani (La Repubblica, Il Giornale, Corriere della Sera, Il Giorno, Il Resto del Carlino e altri come Gazzetta di Parma, il Nuovo Giornale (PC), Malacoda (PR), La Provincia (CR)), diverse emittenti televisive (Tv Parma, Teleducato (PR), Telelombardia, Tg3 regionale) ed i principali siti internet italiani tra cui Il Sole 24 Ore, Culturalweb e Artfaq hanno presentato l’artista e le sue varie esposizioni.

Keywords: arte europea, arte europea, carlo franza, creative council, ferretti, luca zambrelli, matteo, milano, arte

Posted by luca.zambrelli at 22:28 | |


Comments

  1. Caro Luca Guido,

    in quanto promotore della Mostra vorrei condividere con te e i soci del club, quello che è il ns pensiero sulla mostra di Matteo Ferretti e sull'evoluzione Finanza e Arte proprio in questo delicato momento come la crisi dei Mercati Finanziari: è anche ns obbiettivo durante tale mostra di argomentare la forte evoluzione che avrà il mondo dell'investment verso l'arte, qui alcune parole:

    Il mondo delle imprese, della finanza e più in generale dell’economia sono oggi “impazziti” per l’Arte. Ormai tutti i giornali di economia e finanza dedicano uno spazio cresente ad articoli e rubriche che si occupano di arte ed economia.

    Controverso è invece il giudizio sulla tendenza a trasformare l’arte in business; tendenza che parte dalle tecniche di marketing spesso applicate alla promozione di artisti e delle loro opere, fino ad arrivare alla creazione di fondi di investimento in arte. Sicuramente, l’interesse della finanza per l’arte è assolutamente positivo, in quanto tale interesse consentirà di aumentare le risorse a disposizione degli artisti, permettendo di conseguenza una maggiore creazione artistica e dunque una più probabile affermazione dell’eccellenza.

    Art2knowledge.com

    coltiveremo gli argomenti qui sopra al seguito di un buon bicchiere di vino, osservando le opere di Matteo durante la serata di Martedì 14.10.
    Ciao
    Alberto Frignani

    Posted by Alberto Frignani on Saturday, October 11th, 2008 at 15:52

Please, logon first if you are a member
Or use your facebook account soon!

Add a comment

Your comment text
Your name
 

Send this message to a friend

The information provided will not be collected any used for any other purpose but just to send your message.
Name of your friend: 
E-mail of your friend: *
 
Your Name: 
Comments:  
   

 
Profile Owner
Luca Zambrelli
Luca Zambrelli’s Profile
Luca Zambrelli’s Homepage

(RSS)

Business Club Milan IN ads

Files

File Storage (1 file)
(RSS)


 
Copyright © 2004-2005 ELGG
Copyright © 2005-2009 Business Club Milan IN
http://www.milanin.com - via Conca del Naviglio, 18 - 20129 Milano - CF 97413780152 - info@milanin.com